Le Due Sicilie in Moto 2019 - MOTOCLUB MEDITERRANEO

Il piacere di andare in moto...
Vai ai contenuti
Le Due Sicilie in Moto 2019
Le Due Sicilie in Moto edizione 2019 è stata una manifestazione fantastica che ci ha permesso di rincontrare vecchi amici e percorrere le più belle strade provinciali e statali della Campania, Basilicata, Calabria e Sicilia oltre alla meravigliosa Costiera Amalfitana. I cavalieri in moto hanno percorso 1100 km in tre giorni, 830 km negli ultimi due giorni.

IL RACCONTO......
Finalmente si parte.... da qualche tempo avevamo in mente una manifestazione del genere ma era sempre rimasto un pensiero. Alla fine di Settembre abbiamo deciso e lanciato l'idea e organizzato tutto in quattro e quattr'otto.
Prezioso come sempre l’apporto di Moto One Palermo Honda che ci ha permesso di consegnare una bella t-shirt serigrafata a ogni partecipante e delle casacchine che sono diventate una serpentina arancione sulle strade del sud Italia.
Tutto è iniziato Giovedì 31 Ottobre 2019 alle ore 17,30 presso la concessionaria Moto One Honda Palermo dove, insieme agli appassionati titolari, Gaetano Nelli e Pippo Piazza, abbiamo brindato alla buona riuscita dell’evento stappando tre bottiglie di buon prosecco...
La colonna dei Cavalieri in Moto si muove per raggiungere il porto di Palermo e, dopo le operazioni d’imbarco, salire sulla nave Palermo-Napoli Sbarchiamo a Napoli Molo Beverello la mattina alle 6,30 dell’1 Novembre 2019 e fermata d’obbligo non poteva non essere che per la mitica sfogliatella del Bar Gambrinus a Piazza Plebiscito Buonissime le sfogliatelle calde del Gambrinus. In moto usciamo da Napoli e raggiungiamo Vietri sul Mare e iniziamo a scoprire le meraviglie della Costiera Amalfitana. Il meteo, nonostante le previsioni avverse, sono per fortuna sbagliate e una bella giornata ci assiste La Costiera Amalfitana è uno spettacolo e percorrerla in moto è una cosa incredibile, come direbbe qualcuno “una figata pazzesca”; Cetara, Erchie, Capo d’Orso, Maiori, Minori sino a raggiungere Ravello città della musica, seconda tappa della nostra escursione in Costiera. Ravello, situata su una ripida rupe all'altitudine di 315 m s.l.m., sovrasta Maiori e Minori e gode di un'ampia vista panoramica sul Mar Tirreno e sul golfo di Salerno. È posta sul pianoro che divide la vallata del torrente Dragone da quella dove scorre il torrente Reginna. Appartenente geograficamente alla Costiera amalfitana (iscritta al patrimonio mondiale UNESCO), costituisce un rinomato centro turistico e culturale. Conosciuta altresì con l'appellativo di Città della Musica, qui si svolge ogni estate il Ravello Festival, dedicato al compositore tedesco Richard Wagner. Ammirata la splendida Ravello riprendiamo le nostre amate moto per proseguire la nostra motopasseggiata sulle pieghe della Costiera Amalfitana; attraversiamo Atrani, Amalfi (bella e confusionaria), Conca dei Marini e Praiano seconda tappa del nostro cammino Lasciata Praiano, un magnifico sole ci accompagna e rende la Costiera Amalfitana ancora più affascinante; ammiriamo lo scorcio di Positano e ci spingiamo sui Colli di Fontanelle sulla strada meglio conosciuta come “Nastro Azzurro” dove ci aspetta il grande amico Guido Gargiulo, sorrentino d.o.c., che ci accompagnerà a Sant’Agata sui Due Golfi. Qui ci attende l’affettuosissimo Tonino Schisano che ci permette di parcheggiare le nostre moto nella sua villa con una bellissima vista su Capri che sembra quasi di toccarla Ci aspetta lo Chef stellato Mimmo De Gregorio dell’Osteria “Lo Stuzzichino” che ci propone le sue fantastiche ricette culinarie dal suo piatto cavallo di battaglia la “Pasta patate e Provolone del Monaco”, formaggio d’eccellenza di quella zona della Penisola Sorrentina. Ai fornelli, come sempre i magnifici genitori di Mimmo che ci accoglie con la sua solita simpatia. Si uniscono a noi gli amici Guido Gargiulo e Tonino Schisano che, quest’ultimo, ancora una volta intrattiene e ammalia tutti con il suo famoso racconto del Generale Paolo Avitabile di Agerola. A Sant’Agata sui Due Golfi abbiamo consegnato dei riconoscimenti a Mimmo De Gregorio, Guido Gargiulo e Tonino Schisano. Abbiamo consegnato gli attestati di partecipazione e conferito a tutti gli iscritti il titolo di “Cavaliere delle Due Sicilie in Moto” con l’iscrizione nell’apposito albo I Cavalieri in Moto con gli attestati di conferimento del titolo di onorificenza Consegnati i riconoscimenti salutiamo l’amico Mimmo “Lo Stuzzichino” e facciamo strada per l’albergo a Sant’Agnello. Prima, però, percorrendo la strada denominata “Nastro d’Oro” ci fermiamo su un ponte di passaggio a Massa Lubrense dove ammiriamo, nel punto a lei più vicino, l’Isola di Capri nel suo intero fascino Si arriva in albergo, il gruppo è felice e molto unito, si socializza con facilità. La passione per la moto e le bellissime strade e paesaggi della Costiera Amalfitana hanno facilitato tutto. L’eccellentissimo pranzo di Mimmo Lo Stuzzichino ha fatto il resto e su questo non avevamo nessun dubbio. Il Grand Hotel Parco del Sole****, bellissima struttura a Sant’Agnello di Sorrento è la struttura che ci ospiterà per la notte non prima di aver fatto una bella passeggiata fra le strade del Centro Storico di Sorrento

Sabato 2 Novembre il nostro risveglio è accolto da una fitta pioggia che preoccupa, ma non scalfisce la voglia di rimettersi in moto. Per fortuna dura appena mezz’ora e dopo la colazione partiamo percorrendo l'ultimo scorcio di Costiera Sorrentina e poi in direzione sud per la prima tappa del nostro viaggio per raggiungere nel tardo pomeriggio Rende, in provincia di Cosenza Lo spettacolo che si presenta davanti alle nostre due ruote è quello che offre il Cilento, meraviglioso Parco Nazionale campano. Seguiamo la strada del mare con qualche divagazione in collina. Paesaggi stupefacenti con il sole che spunta, ormai, fra le poche nuvole. Attraversiamo Battipaglia patria della famosa mozzarella, la zizzona; e poi Agropoli, Paestum, Santa Maria di Castellabate nota per le scene del film “Benvenuti al Sud”. Acciaroli è la nostra prima sosta. Continua il nostro viaggio seguendo la s.s. 18 con deviazioni su strade provinciali particolarmente belle che ci portano in Basilicata. Attraversiamo Sapri famosa per la poesia della spigolatrice e da quel momento la s.s. 18 e un continuo di curve e paesaggi spettacolari. Non sappiamo se è più bello guardare la strada oppure il mare ma guardando alla nostra destra ci accorgiamo della bellezza delle, cosiddette, Dolomiti lucane. Da qui raggiungiamo Maratea, dove ci aspetta Totò De Filippo appassionato presidente del Motoclub “Il Redentore” che ha preparato per noi, insieme alla sua cara moglie, un prelibato aperitivo che è quasi un pranzo. Dopo aver ammirato la statua del Cristo Redentore, arriviamo alla bellissima sede del Motoclub locale. Totò De Filippo è una persona dal grande cuore e dall’immensa passione e fratellanza fra motociclisti. Persona da ammirare e che stimiamo immensamente. In quella sede vi è uno scambio di doni fra il Presidente del Motoclub Mediterraneo, Eros Lodato, e il Presidente del Motoclub Il Redentore, Totò De Filippo. Poi tutti insieme per la foto di gruppo Ringraziato l'amico Totò abbiamo raggiunto il centro di Maratea dove ci aspettavano i ragazzi della "Merenderia" un localino che ci ha praparato una bellissima degustazione di prodotti tipici accompagnati dalla loro simpatia e da un dolce fantastico del posto. Riprendiamo il cammino e raggiungiamo Rende bella, operosa e moderna cittadina della provincia di Cosenza. Ci attende una bella serata all’OktoberfestCalabria organizzato dalla Paulaner. Dopo una passeggiata per le vie di Rende raggiungiamo la sede dell'OktoberfestCalabria. Con grande sorpresa ci troviamo davanti a due grandissimi tendoni con tantissima gente che attendeva di entrare. Per noi era stato tutto organizzato dallo staff Paulaner: ingresso riservato così come il grande tavolo su cui spiccava la scritta "riservato Motoclub Mediterraneo". A ognuno di noi sono stati consegnati due voucher per i pasti, un braccialetto che ci permetteva di entrare e uscire senza alcuna difficoltà e un cappello Paulaner tipico tirolese. Nonostante la tantissima gente presente, il servizio è stato impeccabile e organizzato bene tanto che il tempo di attesa sia per le ordinazioni sia per la consegna è stato velocissimo. Tipici boccali da 1 litro di birra a testa e poi Stinco di maiale, pollo amburghese, hamburger gigante, wurstel e crauti. Tutto buonissimo e bellissimo. Tutto accompagnato da musica tirolese e tanta tanta allegria. Da rifare...

Domenica 3 Novembre inizia con un bellissimo sole e la giornata promette bene. Incontriamo l’amico e simpaticissimo Amedeo Ditillo Presidente del Comitato Regionale C.S.A.In. che in maniera impeccabile ha organizzato il nostro soggiorno a Rende. Gradita la foto di gruppo e lo scambio di gagliardetti. La Calabria ha un territorio fantastico. Sulle strade dell’Aspromonte capita anche di incontrare un capanno di legno con esposte le famose cipolle rosse di Tropea, peperoncino e nduja. Fermarsi, assaggiare e acquistare è naturale. Fermarsi a Tropea è stata una tappa obbligata. Lì succede una cosa simpaticissima; sulla magnifica terrazza dei due cannoni notiamo un nutrito gruppo di ragazzi con belle barbe lunghe e tutti vestiti allo stesso modo con camicia bianca e pantaloni blu. Scambiando due parole scopriamo che fanno parte di un associazione benefica, Bearded Villans, che stavano facendo un gemellaggio con la loro consorella calabrese. La loro manifestazione, guarda caso, si chiama “Le Due Sicilie”, la nostra “Le Due Sicilie in Moto”. Con una grande risata si è creato un clima di fratellanza e socialità incredibile fra barbuti e motociclisti con scambio di patch e adesivi. Percorrendo la costa tirrenica più a sud della Calabria, La Costa Viola, il mare è aperto e profondo e l'acqua in alcune ore del giorno assume una colorazione violacea oltre alla natura incontaminata del Monte Sant'Elia e alle spiagge dorate. Dal piacere della storia a quello della natura: Bagnara Calabra tra le colline a strapiombo sul mare, incastonata tra i vigneti e con una visione di un fascino unico sulle Isole Eolie e sullo Stretto di Messina. E a proposito di panorami incantevoli, a godere di una delle più belle vedute d'Italia è sicuramente Scilla, paese di pescatori, reso celebre da Omero e da Virgilio e apprezzato dai turisti che vengono qui anche per assistere alla caratteristica pesca del pesce spada. A Scilla abbiamo gustato un po’ di cucina locale davanti al mare con la nostra bella Sicilia a un tocco di mano. La traversata dello Stretto di Messina si presenta turbolenta per il mare molto mosso, ma la felicità per i tre giorni passati si legge sulla faccia di ognuno di noi. A Messina, con rammarico, ci dividiamo dai nostri carissimi amici di Siracusa e Noto, Rosalba e Franco Artale e Giovanna e Giuseppe Fontana, sicuri di rivederci prestissimo. Noi continuiamo per raggiungere Palermo con una sosta a Tindari e già nostalgici dei giorni trascorsi. Sono state tre giornate in moto entusiasmanti su strade provinciali e statali evitando la noiosa autostrada. Paesaggi mozzafiato, strade bellissime che ci hanno permesso di attraversare un sud dell’Italia affascinante e godibile fra incontri con amici e degustazioni buonissime e ricercate. Il gruppo eccezionale e molto unito, ci siamo divertiti tantissimo. Il meteo nonostante le previsioni (per fortuna sbagliate) è stato clemente e nella maggior parte caldo e assolato. I complimenti vanno a tutti per i km fatti con serenità, ma una menzione speciale va alle nostre accompagnatrici, mogli fidanzate madri, che io amo definire “abili navigatrici” che hanno gioito e festeggiato tutti insieme della buona riuscita della manifestazione.

L’appuntamento è per la 2^ edizione de “Le Due Sicilie in Moto” dall' 1 al 5 di Giugno 2022, con nuovi percorsi, bellissime sorprese e tanti “sacrifici” in stile Motoclub Mediterraneo
Torna ai contenuti